Messaggio

No all’accesso gratuito ai dati REACH per le PMI

Nei mesi passati l’ECHA, l’agenzia europea che si occupa di sostanze chimiche, aveva avanzato una proposta nei confronti della commissione che si sta occupando di varare il regolamento REACH. Aveva cioè chiesto la possibilità per le piccole e medie imprese di avere libero accesso, ovvero in modo gratuito, a tutti i dati raccolti all’interno di tale regolamento, a partire dal 2018.

Leggi tutto: No all’accesso gratuito ai dati REACH per le PMI

La rete di scambio sugli scenari d’esposizione e i suoi futuri sviluppi

Tra gli organi che si sono adoperati al fine di rendere possibile l’entrata in vigore della nuova normativa europea REACH relativa alle sostanze chimiche c’è il cosiddetto ENES. L’acronimo sta per “Exchange Network on Exposure Scenarios”, ovvero, in italiano, “rete di scambio sugli scenari di esposizione”. L’ENES ha avuto l’incarico di individuare le pratiche migliori al fine della valutazione dei rischi connessi all’uso di determinate sostanze chimiche, ma soprattutto di rendere possibile la comunicazione tra i vari soggetti interessati, con l’ausilio anche di altre organizzazioni.

Leggi tutto: La rete di scambio sugli scenari d’esposizione e i suoi futuri sviluppi

Il REACH, i nanomateriali, l’impatto sule PMI

I materiali chimici ormai fanno parte della nostra vita, e ormai da tempo. Sono praticamente in ogni cosa che ci circonda, a volte entriamo in contatto con loro, altre volte ci lavoriamo addirittura sopra. Sappiamo davvero quali rischi corriamo? Ci sono materiali la cui eventuale pericolosità per l’uomo e per l’ambiente è ormai nota da tempo, ma altri che nemmeno sappiamo di usare e di cui non consociamo praticamente nulla.

Leggi tutto: Il REACH, i nanomateriali, l’impatto sule PMI

Accertata dal governo britannico la validità delle registrazioni al REACH

Dopo il referendum che ha sancito la volontà popolare degli inglesi di uscire dalla Comunità Europea sono tante le questioni burocratiche e pratiche da dirimere per stabilire in che modo, dal momento in cui la cosiddetta “Brexit” avrà effettivamente luogo, si potranno portare avanti i rapporti tra il Regno Unito e il resto dell’Europa. Ovviamente non resta al di fuori della discussione il regolamento REACH, a cui le imprese anglosassoni si stavano adeguando mentre ora non sanno più con certezza in che modo si debbano comportare.

Leggi tutto: Accertata dal governo britannico la validità delle registrazioni al REACH