Messaggio

Accordo Echa - Eurometaux

Echa e l’associazione europea Eurometaux hanno stilato di comune accordo un piano programmatico per identificare con precisione quali siano le carenze presenti nelle informazioni REACH e CLP (Classification, Labelling and Packaging) relativamente ai composti metallici e alle sostanze inorganiche entro la fine del 2020. Il MISA (Metals and Inorganics Sectorial Approach) si occuperà invece di affrontare le questioni tecniche e scientifiche che restano in sospeso.

Leggi tutto: Accordo Echa - Eurometaux

Allarme per le sostanze altamente preoccupanti (SVHC)

L'organizzazione non governativa ChemSec ha di recente inviato una lettera a Bjorn Hansen, direttore esecutivo dell’ECHA, in cui si focalizza l’attenzione dell’ente europeo sulle sostanze cosiddette “estremamente preoccupanti” (Substances of Very High Concern, SVHC).

Leggi tutto: Allarme per le sostanze altamente preoccupanti (SVHC)

Accordo tra Echa e Cefic per le fasi successive del REACH

Nel mese di maggio è entrato in vigore in modo definitivo il REACH, il nuovo regolamento europeo che detta le norme da seguire in materia di utilizzo e commercializzazione delle sostanze chimiche. A tale data tutte le aziende coinvolte, di qualunque entità, hanno dovuto mettersi in regola con la nuova legislazione comunitaria.

Leggi tutto: Accordo tra Echa e Cefic per le fasi successive del REACH

I dati di registrazione del REACH dopo il 31 maggio 2018

Dopo anni di preparazione e di lavoro infine è arrivata la data del 31 maggio 2018, che rappresentava il termine ultimo per tutte le aziende che fabbricano o importano più di una tonnellata di sostanze chimiche ogni anno. Entro questa data tali aziende hanno dovuto fare la registrazione al REACH (Regolamento CE n. 1907/2006 riguardante la registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche) delle sostanze da loro utilizzate.

Leggi tutto: I dati di registrazione del REACH dopo il 31 maggio 2018