Messaggio

Le novità introdotte dal REACH

Il 2018 è la data ultima per l’adozione definitiva a livello europeo del REACH, il regolamento che norma la circolazione e l’utilizzo delle materie chimiche all’interno dell’Unione Europea. In vista di questa scadenza tutte le aziende e gli operatori che gravitano in questo settore produttivo devono prendere le misure necessarie per adeguarsi alle regole stilate dall’ECHA, l’agenzia europea per le sostanza chimiche.

Leggi tutto: Le novità introdotte dal REACH

Migliorare i dossier REACH: impresa difficile

Più del 90% dei controlli di conformità sui dossier REACH del 2016 hanno dimostrato la necessità di inserire maggiori informazioni. Nel 2015 la percentuale era stata solo dell’82%. La maggior parte dei dossier che sono stati selezionati per i controlli riguardavano sostanze ad alto volume, rispetto alle quali si nutrivano preoccupazioni in merito a possibili caratteristiche cancerogene, mutagene o inibenti la fertilità (CMRs) e relativamente alla loro persistenza, tossicità e percentuale di bioaccumulo (PBTs), seguendo così le linee guida dettate dalla strategia di conformità voluta dall’ECHA.

Leggi tutto: Migliorare i dossier REACH: impresa difficile

Rifiuto di alcuni dossier REACH da ECHA

Il Ministro dell’Ambiente della Danimarca ha fatto sapere che l’ECHA si riserva il diritto di non assegnare un numero di registrazione al REACH a quelle compagnie che non forniscano un numero esaustivo e sufficiente di informazioni all’interno dei loro dossier.

Leggi tutto: Rifiuto di alcuni dossier REACH da ECHA

162 sostanze inserite nel REACH selezionate per ulteriori controlli

L’ECHA (Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche) ha selezionato ben 162 sostanze, prelevate dai dossier relativi alla nuova normativa REACH, al fine di sottoporle ad ulteriori controlli che saranno condotti dagli organi preposti degli Stati aderenti al REACH stesso.

Leggi tutto: 162 sostanze inserite nel REACH selezionate per ulteriori controlli