Messaggio

L'idoneità Reach ai ftalati DIDP e DINP

Il di-isononil ftalato, comunemente chiamato ftalato DINP, risulta rispettare le leggi della sicurezza della Normativa Reach, anche per la produzione di oggetti commerciali quali articoli erotici per adulti, e giocattoli per l'infanzia. Questo è quanto emesso dalla Commissione Europea, tramite un comunicato pubblicato lo scorso gennaio, in cui vengono menzionati i punti salienti sulla questione trattata dall'ECHA. L'Agenzia Europea per le sostanze chimiche, incaricata di indagare in merito alla sicurezza dei ftalati DIDP e DINP.

Il Consiglio ha sancito che non si riscontrano rischi nell'uso di ftalati DIDP, il di-isodecil ftalato, e DINP, per la produzione di oggetti di natura differente ai giochi per l'infanzia che rischiano di entrare in contatto con la bocca del bambino. Il consiglio ha quindi confermato le  clausole sulla sicurezza, e le restrizioni emesse nel 2005, per i prodotti realizzati tramite DIDP e DINP, come gli articoli di puerizia che presentano il rischio di entrate in contatto con la bocca dell'infante. Il Consiglio ha inoltre sancito che, vista e riscontrata la non presenza di altre controindicazioni per le sostanze in oggetto, si conferma la sicurezza di tali prodotti, secondo la Normativa Reach, per la commercializzazione ai consumatori, negando rischi derivanti dal corretto utilizzo degli stessi. L'affidabilità e sicurezza prestazionale dei materiali di plastificazione risultano caratteristiche basilari per i comuni prodotti in cloruro di polivinile flessibile, noto anche come polivinilcloruro o con la corrispondente sigla PVC, utilizzati quotidianamente da milioni di persone in Europa. È quanto emerge da una nota di ECPI, l'Associazione europea dei produttori di plastificanti e intermedi, con la speranza che il comunicato diffuso dalla Commissione Europea si riveli utile nel tranquillizzare i cittadini, e a regolarne stabilmente il piano legislativo, in linea con le normative Reach. Stephanane Content, direttore di ECPI, ha assicurato che i DIDP e i DINP sono risultati, dopo numerosi test, in grado di garantire la massima affidabilità anche nella commutazione di questi ultimi con ftalati a basso peso molecolare, secondo autorizzazione Reach. Sul fronte dell'utilizzo di tali articoli da parte dei bambini, spiega la Content, l'Agenzia Europea ha ribadito che non si sono rivelate indispensabili altre contromisure per quanto concerne la sicurezza dei DIDP e dei DINP. Per quel che riguarda i soggetti adulti, gli esami di bio-monitoraggio effettuati dall'ECHA, hanno portato alla conclusione che il contatto di tali prodotti con le strutture abitative e gli alimenti non presenta particolari rischi e, nei casi di contatto cutaneo a DIDP e DINP, non si sono riscontrate controindicazioni per i soggetti adulti e per la naturale gestazione delle donne incinte. Inoltre, l'Agenzia Europea ha specificato che l'utilizzo dei sex toys, realizzati tramite DIDP e DINP, non genera alcun rischio ai partner. In generale, l'ECHA, in base alle normative Reach, ha dichiarato che non si sono rivelate indispensabili altre contromisure per quanto concerne la sicurezza dei prodotti contenenti DIDP e DINP per soggetti adulti. Il controllo degli emendamenti restrittivi sugli esteri dell'acido ftalico che presentano alto peso molecolare, e che non risultano classificati, si è rivelata indispensabile in base al comma 52 del comunicato XVII di Reach, in cui vi sono allegate le condizioni sulla sicurezza della Direttiva 2005/84/EC in originale. Questa attività di reintegrazione ha potuto vantare una valutazione del Comitato rischi dell'ECHA.